Autore: V. Scuderi
Sottotitolo: Segno e disegno in Brigitta Falkner
Casa editrice: Villaggio Maori Edizioni
Città: Catania
Anno: 2018

La produzione dell’autrice-artista austriaca Brigitta Falkner (Vienna, 1959) rappresenta un unicum all’interno del panorama della letteratura sperimentale di lingua tedesca. Si tratta di realizzazioni intermediali che uniscono parola e immagine all’insegna di un costante principio di ibridazione e di oltrepassamento dei confini, sempre mettendo in dubbio le forme letterarie codificate e costruendone di nuove. La chiave di lettura qui scelta è il doppio concetto di performatività e performance, che va dalla performatività del segno scritto dentro la scena della lingua (soprattutto all’inizio di questa produzione, nata seguendo le regole della scrittura à contrainte con anagramma, palindromo, lipogramma), a quella del disegno nella parola scritta ampliata in fumetto, dall’aspetto drammatico (con vere e proprie caratteristiche da «rappresentazione»), alla realizzazione di performance in forma di cortometraggio, l’ultima modalità in cui si amplia questa poesia immaginifica.